Lunedì, Novembre 19, 2018
   
Text Size

Articoli

Norvegia, conclusa la prima parte della "Trident Juncture"

9 novembre 2018. Con la battaglia simulata di Oppdal (Norvegia), a cui hanno preso parte anche gli assetti terrestri e le componenti aeree dello strumento militare nazionale, si è conclusa la fase Live Exercise (Livex - con unità schierate sul terreno)  dell'esercitazione "Trident Juncture" della Nato.

E' la più importante attività addestrativa organizzata dall'Alleanza Atlantica dalla fine della guerra fredda, che ha visto impiegati circa 50.000 militari di 31 diverse Nazioni, 150 aerei, 70 navi e oltre 10.000 veicoli terrestri.

Al termine dell'esercitazione, l'Ammiraglio James Gordon Foggo, Comandante dell'Allied Joint Force Command di Napoli e direttore dell'esercitazione, ha voluto ringraziare calorosamente i militari di tutte le Nazioni partecipanti e, in particolare, la Norvegia, che ha ospitato sul suo territorio la complessa attività addestrativa. L'Ammiraglio ha voluto rimarcare che la "Trident Juncture" ha rappresentato, da un lato, lo spirito di solidarietà e di coesione tra i Paesi membri a favore di quelli che maggiormente percepiscono la rinnovata assertività militare ad est, e, dall'altro, la determinazione dell'Alleanza Atlantica nella sua missione primaria di difesa collettiva dell'integrità territoriale euro-atlantica contro ogni possibile aggressione e minaccia esterna mantenendo un alto livello di preparazione e di reazione.

L'esercitazione ha previsto la contrapposizione sul campo di due  unità avversarie, a livello Corpo d'Armata, le quali si sono alternate nel condurre operazioni in attacco e in difesa. In particolare, la fase conclusiva, certamente tra quelle più complesse di tutta l'attività, consisteva nella completa liberazione di territori precedentemente occupati dalle forze avversarie. L'obiettivo finale della "Trident Juncture" era quello di verificare la capacità della Nato di pianificare e condurre un'importante operazione di difesa collettiva, oltre che di valutare l'effettivo grado di integrazione e di cooperazione tra le Forze Armate dei Paesi membri e la loro capacità di interagire con Paesi amici, quali la Finlandia e la Svezia. Nel contempo, l'esercitazione è stata sfruttata anche per analizzare il sistema di prontezza operativa e di risposta militare immediata alle minacce dell'Alleanza, attraverso l'impiego della Nato Response Force (Nrf), diretta dal Nrdc (Nato Rapid Deployble Corps) di Solbiate Olona per tutto l'anno 2018.

La partecipazione nazionale, oltre al citato Nrdc, ha visto schierato anche un complesso di forze terrestri, su base 132^ Brigata corazzata "Ariete", costituente la  Vjtf Land Brigade (Very High Readiness Joint Task Force), cioè l'assetto di massima prontezza operativa dell'Alleanza, la cui responsabilità è stata assegnata, nel 2018, alle Forze Armate italiane. Per tale esigenza, la Brigata "Ariete" (Comando Brigata e assetti dell'11° reggimento bersaglieri, del 10° reggimento genio guastatori, del reggimento logistico "Ariete", del Reparto Comando e Supporti Tattici "Ariete") è stata rinforzata con assetti tratti dal 187° reggimento paracadutisti, dal 7° reggimento trasmissioni, dal 1° reggimento artiglieria da montagna, dalla Scuola di Commissariato di Maddaloni e da una compagnia di Polizia Militare del 13° reggimento Carabinieri "Friuli Venezia Giulia". Durante la Livex, inoltre, la Vjtf ha potuto anche contare sul supporto dell'Aeronautica Militare, che ha schierato nella base di Bodo gli Eurofighter (provenienti dal 4° Stormo di Grosseto, dal 36° Stormo di Gioia del Colle e dal 37° Stormo di Trapani) per le attività di Difesa Aerea e di scorta e protezione dei velivoli strategici dell'Alleanza, i Tornado (dal 6° Stormo di Ghedi) per la soppressione delle difese aeree avversarie,  il KC-767 (del 14° Stormo di Pratica di Mare) per il rifornimento in volo degli aerei Nato, e il G-550 Caew (del 14° Stormo) per la sorveglianza, l'avvistamento, il comando e controllo.

 

Visitatori Online

Abbiamo 178 visitatori e nessun utente online